Addio a Mirabolano, simbolo della resistenza al Park Fiume

Curvo, stanco e probabilmente pericolante. Eppure simbolo di una protesta e di una resistenza che, alla fine, l’ha avuta vinta. Epilogo non così frequente quando a fronteggiarsi sono le ruspe dei cantieri e i rami di un albero. Venerdì prossimo il Prunus Cesarifera lungo le Passeggiate del Talvera all’altezza di via Fiume a Bolzano verrà abbattuto dalla Giardineria Comunale. Dallo stesso Comune che voleva sacrificarlo sull’altare di un parcheggio interrato vicino al fiume. Un progetto discusso che ha portato molti bolzanini a chiedere di ripensarci. Battaglie durate anni con il nome del Park Fiume sovraesposto nel dibattito politico comunale. Lunghi mesi di scontro di posizioni (e carotaggi) prima della virata definitiva verso la soluzione di piazza Vittoria (ancora da iniziare).

L’ONORE DELLE ARMI

È allora che quell’albero, chiamato comunamente Mirabolano o Amolo, è diventato il luogo di ritrovo del comitato che vi si opponeva. Un punto per fare gruppo spiegando le ragioni della contrarietà all’opera del parcheggio ma anche per organizzare qualche piccola festicciola quando le cose si mettevano bene. Nonostante l’età ha avuto un destino molto più significativo di quello tradizionale di un albero ornamentale. E’ diventato una testimonianza calamitando l’affetto e l’empatia. L’abbattimento, tuttavia, avverrà con l’onore delle armi da parte dell’amministrazione e l’annuncio è arrivato direttamente dai rappresentanti del comitato Maria Teresa Fortini e Paolo Giacomoni: “Ci hanno coinvolto in questa scelta dolorosa ma necessaria e hanno deciso che resterà una parte del tronco eletto ormai a monumento naturale. Speriamo che vicino alla catena possa presto trovare posto un nuovo giovane albero per l’ombra delle future generazioni in un segmento splendido di questa passeggiata unica del Lungo Talvera San Quirino. Il suo messaggio continuerà ad arrivare per anni”.

UN RACCONTO PER LA CITTA’

Il Mirabolano, insomma, continuerà a raccontare una storia e a testimoniare come, qualche volta, tra gli alberi e la cementificazione vincano i primi. In questi anni ha continuato a primavera a regalare qualche piccolo ciuffo di verde, talvolta qualche sparuto fiore mentre qualche bambino chiedeva ai genitori come mai all’altezza del tronco avesse scolpita una catena. Quasi a ringraziare quella città che lo ha voluto con sè fino all’ultimo.

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5851 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?