Lago di Carezza, in arrivo l’ingresso contingentato per le auto

Accesso contingentato delle auto e una nuova gestione del parcheggio. Il Lago di Carezza sarà interessato in futuro da misure finalizzate a tutelarlo maggiormente dal punto di vista naturale e della fruizione turistica. Ogni anno sono 600.000 le persone che lo visitano e quasi due terzi di questi sono turisti che lo raggiungono in egual misura da Trentino ed Alto Adige. Il 69% del totale è arrivato in auto e il 66% non rimane al Lago più di un’ora. Entrambi fattori che sono da ridurre per garantire un impatto più sostenibile.

ORIZZONTE 2030

Idm, con il ceo Erwin Hinteregger, si è detta pronta a sostenere l’amministrazione provinciale nell’adozione di pratiche e tecnologie che ricalchino quelle in atto per le Tre Cime, il Lago di Braies, Prato Piazza e la Val Fiscalina. L’orizzonte di lavoro, stando al documento firmato con Provincia e Comune, è di nove anni con un programma di lavoro fino al 2030.

I PROSSIMI PASSI

Via subito, dunque, al monitoraggio del traffico esteso a tutta la zona del Lago di Carezza e di Passo Nigra con contestuali controlli di velocità e rumore. Tutti dati propedeutici al futuro contingentamento e all’eventuale ulteriore abbassamento della velocità. Nel mentre continuerà la politica di sostegno agli accessi sostenibili da parte del Comune con percorsi ciclabili, pedonali e collegamenti immediati con gli impianti di risalita (c’è un ponte sospeso per un percorso di appena venti minuti). Inizierà a breve anche la progettazione del parcheggio Paolina con un nuovo ingresso e l’introduzione di un nuovo sistema di gestione del parcheggio (probabilmente il prossimo anno).

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5663 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?