Mongillo: “Il futuro della SS12 libera dal traffico? Lo decideranno i cittadini di Bronzolo”

BRONZOLO. Punta a proseguire nel buon clima sperimentato negli scorsi anni Giorgia Mongillo, già sindaca di Bronzolo e ora candidata per un secondo mandato con il sostegno di un’ampia coalizione.

Sindaca, vista la forza della sua coalizione possiamo dire che le possibilità di un secondo mandato non sono poche, quale è stata la formula della sua politica che la ha portata ad avere un così ampio sostegno per la sua rielezione?

“Non è una coalizione nuova, se escludiamo la lista della Lega. È una coalizione che ha avuto anni per sperimentare avendo sempre gli stessi obiettivi e la stessa visione. Questa credo sia la formula giusta per poter governare. Se si va d’accordo si riescono a portare a casa i risultati, l’importante è che alla base ci siano le idee da condividere, che si facciano insieme progetti e programmazione. Ora si è aggiunta anche la Lega e ben venga avere un gruppo più coeso. Sicuramente quello che però io ho chiesto loro è di non portare nella politica di un paese come Bronzolo ideologie partitiche nazionali, perché qui il modo di fare politica è essenzialmente quello di fare amministrazione. Effettivamente ciò che abbiamo condiviso sono cose e visioni legate alla nostra comunità. Questa coalizione garantisce stabilità politica, noi abbiamo parlato di programmi, non di poltrone. Saranno le urne a decidere chi siederà in giunta e in consiglio. Avevamo come unica priorità la condivisione degli obiettivi da raggiungere. “

Guardando i candidati si può immaginare una giunta molto al femminile, auspica che questo accada?

“Mi piacerebbe, anche se in realtà guardo più alla persona e credo che un giusto equilibrio sia la cosa più giusta. Trovare donne in politica in effetti è spesso difficile, spesso hanno altre priorità o impedimenti familiari. Ora alla mia età anche se manco 12 ore al giorno non ho più nessuno che ne soffre dal punto di vista pratico, ma per le donne è spesso difficile impegnarsi per tutto il tempo che la politica e l’amministrazione richiedono. Siamo comunque un Comune già molto rosa qui a Bronzolo perché abbiamo sindaco, vice-sindaco, segretario comunale, tecnico comunale tutte al femminile. Sicuramente quello che noi portiamo è una maggiore attenzione allo star bene insieme, cosa che sta alla base del poter poi lavorare serenamente. Tenere un focus particolare sui rapporti interpersonali è una cosa in cui magari siamo più portate e probabilmente anche per questo riusciamo a trovare compromessi e accettare esigenze e punti di vista altrui”

Andando sul pratico quali sono i suoi progetti per Bronzolo qualora ne fosse nuovamente alla guida?

“Quello che mi preme veramente tanto è affrontare il tema degli anziani. Bronzolo non è certo un paese giovanissimo e gli abitanti interessati, anche con difficoltà aggiunte all’età, sono molti. Tanti di loro avrebbero anche bisogno solo di un’assistenza diurna o domiciliare, che sicuramente sgraverebbe anche le famiglie da grandi preoccupazioni. È un tema che va affrontato con la realizzazione di un polo sociale e con alloggi protetti. La nostra visione però è di un’assistenza che non sia ghettizzazione ed infatti l’idea è di affiancare le diverse generazioni, di venire incontro ai bisogni dei bambini ad esempio, accanto a quelli degli anziani. Ad un certo punto della vita la solitudine diventa un problema nel problema e va risolto anche quello. Per questo vorremmo un centro diurno e ci batteremo per ottenerlo”

Il progetto che viene forse più contestato dalle opposizioni è la ristrutturazione del Kindergrten, cosa risponde su questo?

“La struttura va ristrutturata.  È vero che la soluzione proposta forse è un po’ carente di spazi ma noi facciamo quello che possiamo fare con le risorse disponibili. Su questo tema è stato detto di tutto e di più ma fondamentalmente quello che io penso e che in quella scuola ci siano dei bambini che hanno bisogno di frequentarla e che l’edificio assolutamente necessita di essere risanato. L’importante è fare le cose in regola ma indispensabile è che venga fatto”

Concludiamo con la viabilità della Bronzolo del futuro, come la immagina e che progetti ha per realizzarla?

“Naturalmente con tempistiche che sono sempre ricche di sorprese, ormai possiamo affermare che Bronzolo sarà libertà dal traffico della Ss12. Cosa avverrà dopo è tutto da disegnare ma non sarà solo l’amministrazione a farlo, in questa occasione sarà determinante ed essenziale il coinvolgimento dei cittadini.”

Linda Baldessarini

Foto Mongillo Facebook


Il video del giorno