Mercato del sabato, il Comune di Bolzano dovrà decidere tra il lavoro degli ambulanti e un cantiere in via Fago

Mercato sabatoBOLZANO. Nella intricata vicenda del mercato del sabato a Bolzano in piazza Vittoria molto ruota su via Fago. Per capire in che modo la strada di Gries possa influenzare il destino delle bancarelle bisogna ricostruire il mosaico.

Il Comune di Bolzano, infatti, ha deciso di dimezzare (sabato scorso anche meno) gli stand ospitabili sul suolo pubblico innescando il fenomeno della turnazione tra gli ambulanti. Lavoratori, spesso famiglie, che si trovano così a poter svolgere la propria attività una volta ogni 15 giorni. Per l’ortofrutta questo determina difficoltà evidenti nell’approvvigionamento fornendo, oltretutto, un assist drammaticamente efficace allo spreco. La frutta e la verdura che un ambulante non riesce a vendere va a finire inevitabilmente nel bidone perché non potrebbe reggere due settimane. Non si può nemmeno pretendere che le previsioni di vendita dei commercianti siano perfette, specie in giornate piuttosto imprevedibili sull’afflusso di gente come queste.




Le associazioni di categoria hanno chiesto di risolvere l’empasse allargando gli spazi a disposizione. Confesercenti puntando su corso Libertà, l’Unione Commercio strizzando l’occhio a via Amba Alagi e piazza Tribunale. La forza contrattuale, tuttavia, in questo caso premia la prima che rappresenta molti più ambulanti compresi quelli in arrivo da Trento. Il sindaco Renzo Caramaschi, dal canto suo, ha già negato la possibilità di espandersi su corso Libertà. La motivazione è la presenza del cantiere lungo la strada ma ce n’è una più concreta che riguarda un altro cantiere: in via Fago. I lavori lungo corso Libertà non dureranno tantissimo e potrebbero essere ultimati in un tempo ragionevole anche per gli ambulanti ma posizionando qui le bancarelle il traffico verrebbe inevitabilmente deviato anche su via Fago. Dove, però, l’amministrazione prevede l’imminente apertura di un cantiere per la posa di infrastrutture. Si spiegherebbero così le resistenze dell’amministrazione alla soluzione di corso Libertà approvata, al contrario, come soluzione alternativa durante il futuro cantiere di piazza Vittoria. Il nodo finale della questione, dunque, ruota attorno alla scelta del Comune: penalizzare il lavoro degli ambulanti e delle loro famiglie oppure procrastinare il cantiere di via Fago?

Vanno registrate, comunque, anche alcune resistenze da parte degli ambulanti che, in maggioranza, hanno alzato un muro alle soluzioni di via Amba Alagi e piazza Tribunale: troppo lontane dal cuore tradizionale del mercato del sabato che diventerebbe disomogeneo. Nonostante la proposta del consigliere comunale e deputato Filippo Maturi, invece, il cortile del complesso Pascoli non è mai stato realmente preso in considerazione da associazioni di categoria, amministrazione e dalla stessa maggioranza degli ambulanti che lo giudica inadeguato.

Domattina alle 9 il vertice decisivo in Comune dove si registra una giunta piuttosto spaccata sul tema. L’assessore al commercio Stephan Konder sarebbe più incline all’allargamento su corso Libertà mentre il primo cittadino frena in modo brusco. Ad aumentare la pressione le scelte di Merano e Trento che, seppur con meno banchi, hanno trovato delle soluzioni più elastiche sull’occupazione degli spazi per non lasciare a casa a nessuno. A Bolzano, però, bisogna fare i conti con i cantieri.

Alan Conti




Notice: Undefined index: img in /home/vvjzvqfc/public_html/wp-content/plugins/ct-ultimate-gdpr/includes/views/cookie-popup.php on line 116