La preoccupazione di Kompatscher: “Spero la Lega rimanga unita”

BOLZANO. Le trattative per la prossima giunta provinciale si allungano notevolmente con Svp e Lega alle prese con le rispettive correnti. Sui nomi per l’esecutivo la situazione è tanto chiara quanto incerta. Arno Kompatscher avrebbe suggerito il suo schema, la prospettiva potrebbe essere quella dell’ingresso di Rita Mattei e Massimo Bessone ma Roberto Calderoli spinge perentoriamente per la presenza di Giuliano Vettorato (l’unico ad aver già ricoperto a Laives un ruolo amministrativo con l’Svp). Parte della Stella Alpina vedrebbe positivamente spartire le cariche tra le due correnti del Carroccio per evitare possibili opposizioni in consiglio. “Spero rimangano un partito unito – le parole di Kompatscher a Francesca Gonzato del giornale Alto Adige – altrimenti avremmo potuto fare subito un accordo a tre”.

Sui temi si attendono novità su welfare e stranieri. “Detesto la toponomastica e vorrei che se ne parlasse il meno possibile – le dichiarazioni di Massimo Bessone – perché quello che ci interessa è la tutela degli autoctoni. Le nostre divisioni? Non ho fatto nulla per provocarli. Sono il commissario e il più votato: se qualcuno vuole mettermi i bastoni tra le ruote se ne assumerà le responsabilità”. (a.c.)

Foto Ansa



Lascia un commento