Crisafulli duro su via della Vigna a Bolzano: “Dove non c’è trasparenza c’è il sospetto”

BOLZANO. La chiusura di Via della Vigna ormai è più di un caso a Bolzano. Tanti cittadini si stanno mobilitando per cercare un compromesso con l’amministrazione comunale per ottenerne la riapertura. Una petizione nei confronti del Comune di Bolzano su www.change.org intitolata “Garantire il passaggio libero ai pedoni e ciclisti lungo Via della Vigna” ha ormai superato le 2000 firme in poche ore.

È l’avvocato Luca Crisafulli però, a tuonare con un post, chiedendo trasparenza e sollevando il problema del conflitto d’interesse. “Dove manca la trasparenza, prolifera il sospetto, dove non si persegue l’interesse pubblico ma si è condizionati da un interesse parziale o personale, si tradisce il proprio mandato e si versa in una situazione di insanabile conflitto” scrive il membro della Commissione dei Sei.

La via in questione è una strada che i bolzanini percorrono quando sono in cerca di aria fresca, spazio ideale per runners e piacevole percorso nel verde cittadino. Chiariamo dal principio che si tratta di una strada privata, ma comunque raggiunta dai servizi pubblici come la raccolta rifiuti da parte di Seab. Si tratta di una zona cittadina che vanta una cubatura limitata, e la ragione di questa scelta è da individuarsi proprio nell’interesse che venga preservata una zona verde. Una sorta di polmone verde della città.

Chi è portatore di un interesse privato, dovrebbe farlo sapere alla comunità ed evitare di intervenire nelle situazioni ove il proprio interesse confligge con quello della comunità – continua Crisafulli –
Così è per via della Vigna, una strada di collegamento assai preziosa dove l’interesse privato tiene sotto scacco l’interesse pubblico”.

Crisafulli lancia poi un duro attacco all’amministrazione chiedendo che chi versa in una situazione di conflitto di interessi lo comunichi immediatamente astenendosi dall’intervenire nelle decisioni che direttamente lo riguardano. E allora – afferma – ”volete palesare questo conflitto di interessi? Volete affermare il preminente interesse pubblico su quello privato? Su quel tratto di strada il Comune o Enti pubblici in genere sostengono delle spese? Chi rappresenta il Comune all’interno del consorzio? Chi, tra gli assessori residenti in via della Vigna, ha partecipato direttamente o indirettamente, a decisioni del Comune relative al passaggio pubblico per questa strada? Volete finalmente affermare un principio di trasparenza?”.

Angelo Liuzzi

Foto Bertagnolli

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?