Bolzano, Ztl e incontro per la nuova piazza Anna Frank

Anna Frank 2BOLZANO. Quello che l’assessore alla mobilità Marialaura Lorenzini auspicava per la nuova piazzetta Anna Frank a Bolzano sarà realizzato dalla Circoscrizione Don Bosco: un incontro pubblico e una maggiore condivisione. Il progetto di riqualificazione della piccola area urbana, dal costo di 600.000 euro, sarà presentato alla popolazione domani sera (martedì 12 febbraio) alle 20.00 presso la sala polifunzionale Ortles proprio in piazza Anna Frank. All’incontro saranno presenti il direttore dell’ufficio mobilità del Comune Ivan Moroder, il rappresentante dell’ufficio infrastrutture Stefano Stringari e la responsabile del servizio di Giardineria Comunale Ulrike Buratti. Il progetto sarà illustrato lasciando poi spazio alle domande.

Si tratta di un passaggio molto delicato per la nostra comunità – le parole del presidente di Circoscrizione Alex Castellano (Pd) – e crediamo sia giusto che la popolazione possa avere un confronto con chi progetta e realizza i lavori”. La piazza cambierà dal punto di vista estetico ma anche, in parte, funzionale. Prevista, infatti, l’installazione di un sistema elettronico di controllo degli accessi: una Ztl come quelle già operative in Centro e in piazza Montessori a Firmian. Oltre a questo si provvederà ad una nuova pavimentazione, con arredo innovativo e alberature. Anche l’impianto di illuminazione sarà rivisto mentre saranno eliminate le barriere architettoniche.

Lo scorso 17 settembre, però, l’assessore Lorenzini aveva votato contro il progetto di riqualificazione durante la seduta di giunta. “Per l’importanza della piazza era necessario avviare una progettazione maggiormente condivisa coinvolgendo anche i privati che abitano vicino e i condomini”. Lo schema da adottare, secondo Lorenzini, era quello pensato per piazza Matteotti: un gruppo di lavoro con vari rappresentanti per arrivare ad una proposta architettonica più omogenea. “Conosco la situazione difficile della piazza e so che è necessario intervenire in fretta. Tuttavia se dopo 20 anni ci fossimo fermati un anno in più a pensarci non sarebbe stato negativo”. La competenza, però, è in mano all’assessore comunale Luis Walcher (Svp), stranamente non annunciato all’incontro di domani. I tecnici dovranno essere abili e convincenti nel mettere tutti d’accordo.

Alan Conti


Condividi