Bolzano, presidio di Casapound al centro di accoglienza. Lega chiede taser ed espulsione

BOLZANO. L’esplosione di violenza di un cittadino del Togo di 34 anni, operatore del centro di accoglienza di via Gobetti a Bolzano con problemi psichici, ha acceso la polemica politica. Questa mattina l’uomo ha colpito con un bastone e la spranga di ferro vetture parcheggiate, in transito e vetrine dei negozi. Ha ferito anche quattro tra poliziotti e carabinieri.

Casapound ha annunciato per oggi pomeriggio alle 17 un presidio davanti al centro commerciale Centrum mentre la Lega ha chiesto con il consigliere provinciale Massimo Bessone e quello comunale Luigi Nevola una forte presa di posizione del sindaco e del Comune tornando a chiedere la dotazione del taser per gli agenti della municipale. (a.c.)