Bolzano, l’Svp ad un passo da Caramaschi: “Mai con i post fascisti come Fratelli d’Italia”

BOLZANO. Dovrebbe arrivare oggi la scelta dell’Svp a Bolzano e dovrebbe essere per la continuità con Renzo Caramaschi. Dieter Steger e Luis Walcher hanno parlato ieri con entrambi i candidati sindaco al ballottaggio mentre l’Obmann Philipp Achammer ed Arno Kompatscher cucivano la loro sentenza: “Mai con Fratelli d’Italia. La linea insuperabile per noi è la collaborazione con chi proviene da una storia fascista o post fascista”. Che poi della composizione dei consiglieri di Fratelli d’Italia (Marco Galateo, Alessandro Forest, Anna Scarafoni e il cittadino albanese Tritan Myftiu) non ci sia in realtà nessuno con questo identikit particolare è un argomento su cui l’Svp sorvola. Dal canto suo Galateo avrebbe anche dato la sua disponibilità ad un passo di lato offrendo all’Svp una maggioranza con il centrodestra di Zanin e Io sto con Bolzano di Angelo Gennaccaro (evitando alla Stella Alpina la scomoda convivenza con i Verdi): “Possiamo farlo ma la Stella Alpina deve dire chiaramente che il problema siamo noi e depositare subito l’apparentamento con il centrodestra”.

Alan Conti

Foto Comune di Bolzano