Bolzano, esposto di una sala bingo alla Corte dei Conti contro la Provincia

BOLZANO. Una sala bingo della città di Bolzano ha presentato un esposto alla Corte dei Conti per il ritardo nella ripresa dell’attività sancito dalla Provincia di Bolzano. Mentre il Dpcm statale consentiva una graduale ripartenza di queste attività a metà giugno, in Alto Adige l’amministrazione ha fissato la ripresa al 15 luglio. Un mese di differenza che, secondo i gestori, non sarebbe giustificabile con i dati di diffusione dell’epidemia.

Gli incassi dell’erario nel comune di Bolzano per il bingo sono di 350.000 euro l’anno e salgono a 9 milioni per le Awp (nuove slot) e 13 milioni da Vlt. La sola sala ricorrente conta versamenti per 1,8 milioni di euro. (a.c.)

Foto Unsplash Carl Raw