Bolzano, Casapound si presenta alla conferenza dell’Anpi

BOLZANO. Episodio più unico che raro ieri sera in via Torino a Bolzano dove Anpi e Casapound hanno partecipato alla stessa manifestazione. L’Associazione dei Partigiani, infatti, ha organizzato nella sua sede la presentazione del libro di Elia Rosati “Casapound Italia. Fascisti del terzo millennio” alla presenza dell’autore con lo storico Giorgio Mezzalira e il presidente dell’Anpi Guido Margheri. Durante la conferenza, tra il pubblico, si sono presentati anche i consiglieri comunali di Casapound Andrea Bonazza e Sandro Trigolo assieme al consigliere della Circoscrizione di Oltrisarco Massimo Trigolo. La presentazione è andata avanti senza particolari tensioni. Il dibattito si è acceso durante lo spazio delle domande dove l’autore e Bonazza si sono confrontati sui temi del razzismo, dei progetti di Casapound in Asia e Africa e della natura degli scontri violenti tra militanti e antifascisti.

“Abbiamo respinto l’accusa di razzismo -spiega Bonazza – sottolineando il nostro impegno per aiutare i popoli a casa propria. Sulle accuse di violenza abbiamo ribadito come gli episodi siano sempre avvenuti in occasioni di aggressioni durante le nostre iniziative. Non siamo mai andati noi a cercare lo scontro”.

L’Anpi, dal canto suo, ha espresso la sua posizione con un post su Facebook: “Una delegazione di Casapound non ci intimidisce ed Elia Rosati continua a spiegare chi siano i fascisti del terzo millennio. Non mollare. La provocazione di Bonazza lungi dall’intimidire Elia Rosati, tantomeno Anpi, ha pienamente confermato il prezioso lavoro del docente milanese. Quando arrampicandosi sugli specchi Bonazza ha obbiettato che non è vero che sarebbero razzisti perché con alcune onlus si occupano in alcune parti del mondo di “non bianchi” e che la loro violenza sarebbe solo “difensiva Rosati lo ha zittito”. (a.c.)


Il video del giorno



Lascia un commento