Test negativo e tachigrafo sui 90 km/h: si rafforza il colpo di sonno come causa del tragico incidente in A22

TRENTO. Si rafforza l’ipotesi del colpo di sonno come causa del tragico incidente che ieri mattina ha spezzato la vita di Mirko Bertinazzo, 38 anni, di Bronzolo. Il giovane trentenne bolzanino che si trovava alla guida (anche lui ferito) è stato testato ieri all’ospedale Santa Chiara di Trento ed è risultato negativo sia agli alcolici sia alle sostanze stupefacenti. Secondo la ricostruzione riportata dal giornale Alto Adige, inoltre, il tachigrafo della Volkswagen Touran schiantatasi contro un tir in sosta nella piazzola di Paganella era fermo sui 90 chilometri orari. Non una velocità folle ma comunque fatale per una vettura che colpisce un ostacolo fermo. Le indagini, comunque, continueranno anche nei prossimi giorni per definire cause e dinamiche nel dettaglio. (a.c.)

Foto Vvff San Michele