Teheran, pubblica la foto di un bacio: arrestato per atti osceni

TEHERAN (Iran). Questa foto è costata l’arresto al suo autore: il campione di parkour iraniano Alireza Japalaghi. L’atleta si è arrampicato sul tetto di un grattacielo a Teheran per baciare, in questo scatto, una ragazza in pantaloncini e canottiera. Uno scatto particolarmente pericoloso per il luogo raggiunto ma la polizia iraniana non ha contestato questo al giovane bensì gli “atti osceni” in luogo pubblico. Subito dopo la pubblicazione Japalaghi ha iniziato a ricevere chiamate sospette che lo invitavano a costruirsi per evitare l’arresto pubblico: il giorno dopo, come riferisce il fratello, Aliza è stato prelevato da casa dagli agenti. Stessa sorte per la fidanzata che non ha rispettato le norme di abbigliamento modesto e velo. Autore dell’operazione il “centro di monitoraggio e la lotta ai cybercrimini” della polizia iraniana.

Altre interpretazioni, in realtà, vorrebbero che l’arresto di Japalaghi sia collegato ad alcune sue rimostranze contro la polizia iraniana, rea di non essersi mai impegnata seriamente per ritrovare suo padre, agente della Narcotici, scomparso da tempo.

Alan Conti