Stati Uniti, riprendono le esecuzioni: pena di morte per l’attentatore di Boston

TERRE HAUTE (Stati Uniti). La pena di morte, nel concreto, era stata accantonata negli Stati Uniti dal 2003: nessuna esecuzione federale in 17 anni. Ora, però, con i nuovi protocolli promossi e approvati dal dipartimento della giustizia dopo la presentazione del ministro William Barr le iniezioni letali ricominceranno. Saranno unicamente a base di pentobarbital.

Le esecuzioni dovrebbero riprendere già a luglio e tra i primi sulla lista del boia (la maggior parte nella prigione federale Correction Complex di Terre Haute in Indiana) si trovano l’attentatore della maratona di Dzhokar Tsarnaev e della strage di Charleston Dylan Roof. Tre, comunque, le pene capitali previste a luglio e una ad agosto. (a.c.)




Notice: Undefined index: img in /home/vvjzvqfc/public_html/wp-content/plugins/ct-ultimate-gdpr/includes/views/cookie-popup.php on line 116