Lasa, titolare spinge la barista e la fa svenire

LASA. Una giovane barista spintonata con violenza tanto da farla cadere e svenire. Questa l’accusa mossa al gestore della discoteca “Fix” di Lasa da una dipendente di 39 anni che oggi lo ha denunciato per lesione personale presso la caserma dei carabinieri di Silandro.

Secondo quanto riportato nella denuncia la donna aveva avvisato martedì pomeriggio il gestore di voler concludere il rapporto di lavoro che la vedeva impiegata nel pub adiacente il venerdì e sabato notte dalle 21 fino alle 6. Anche il compagno è impiegato nella struttura come addetto alla sicurezza. Inizialmente il titolare aveva accettato con serenità senza richiedere una lettera di dimissioni. Stanotte (tra sabato 30 e domenica 31 marzo) le cose sarebbero cambiate. Alle 4.40 il gestore, definito ubriaco dalla dipendente, sarebbe arrivato al bar insultando la donna per il volume troppo basso della musica. La tensione è salita tanto da far intervenire il compagno della donna insieme ad un collega. L’uomo ha iniziato a battibeccare anche con loro fino a che la barista non lo ha allontanato per evitare guai peggiori. A quel punto il gestore le ha intimato di andarsene subito, anche se la donna aveva lasciato la borsa personale dietro al bancone. Per riaverla avrebbe dovuto richiamare l’indomani. La signora ha cercato di agguantarla ugualmente spingendo l’uomo è ricevendo, in cambio, uno spintone violento che l’ha fatta cadere e sbattere la testa contro una mensola di legno arrivando allo svenimento. Al suo risveglio il collega del compagno e la titolare del locale, compagna dell’aggressore, hanno accompagnato la barista nella discoteca vuota in attesa dei soccorsi e dei carabinieri invitandola a non sporgere denuncia. Trasportata all’ospedale alla donna è stata diagnosticata una contusione occipitale e dimessa. Nella giornata di oggi, però, ha vomitato due volte e alla diagnosi è stato aggiunto uno stato commotivo transitorio. Saranno le indagini a chiarire con esattezza quanto successo.

Alan Conti


Condividi