Foundation, Isaac Asimov sarà una serie nel 2021: spezzato un tabù

BOLZANO. Un tempo si definiva “telefilm”, oggi “serie”. Questa particolare serie di fantascienza era attesa da anni, qualche approccio in passato con il film “ Io, Robot”, ispirato al romanzo d’ Isaac Asimov non era bastato. Nessun regista si era mai avventurato nell’impresa, ardua, di trasformare il romanzo di fantascienza più completo della storia in una serie tv. Il Covid-19 ha rallentato le riprese, ma dal trailer (lo potete vedere QUIhttps://youtu.be/xgbPSA94Rqg) s’evince come i lavori di produzione siano avanzati.

Ecco la trama di Foundation, che ricalca quella dei romanzi d’ Asimov. Per semplicità la serie è formata da più racconti interconnessi su una scala temporale lunga millenni. Troppo complicato adattarla ai singoli capitoli, l’intreccio quindi pare ottimale, dando visione d’insieme, i lettori gradiranno la traslazione.

Foundation (La fondazione) segue gli sforzi di uno scienziato di nome Hari Seldon, la cui invenzione, la “psicostoria”, è una materia tra matematica e psicologia in grado di prevedere movimenti macro delle masse, quindi, di fatto in grado di prevedere il futuro d’intere civiltà. In mezzo una serie di teorie matematiche, perfino anticipanti quella del Caos (anche se ancora non formulata nel 1951, anno del primo romanzo di Asimov, la teoria è del 1963). Il matematico Seldon prevede l’imminente caduta dell’Impero Galattico (entità non malvagia come in Star Wars, il regista Lucas fu accanito lettore di Asimov), seguita da un’età oscura di 30.000 anni prima dell’avvento di un Secondo Impero. Lo sviluppo degli eventi non può essere fermato ma il modello di Seldon prevede l’ alternativa : un’età oscura di solo un millennio. Ma per “mettere in sicurezza” il genere umano e la sua conoscenza, Seldon deve assemblare una “Fondazione” di scienziati ed ingegneri, che insieme creino l’Enciclopedia Galactica, un compendio di tutte le conoscenze umane, un filo di sapere, una sorta di seme culturale da cui far sbocciare il Secondo Impero. Seldon chiede all’ Imperatore di poter creare la Fondazione, viene accontentato, ma a patto vada in esilio volontario insieme ad i suoi compagni “Enciclopedisti”, sul remoto pianeta di Terminus.

Jared Harris interpreterà Hari Seldon, Lee Pace sarà l’Imperatore Galattico. Lou Llobell sarà Gaal, Lea Harvey invece Salvor (uno dei primi capi di Terminus). Abbiamo poi Laura Birn che sarà Demerzel (consigliere imperiale) e Terrence Mann Brother Dusk (il membro più anziano della famiglia dominante).

Il tutto condito dalla sapiente mano di David Goyer (co-sceneggiatore di The Dark Knight e Batman Begins) che è a capo dell’adattamento, Robyn Asimov, la figlia di Asimov, è la produttrice esecutiva, quindi una garanzia il tutto prenda una piega in pieno stile narrativo del padre.

Isaac Asimov è stato più d’uno scrittore di fantascienza, ha ispirato anche la scienza, non per nulla la Microsoft si rifece proprio alle sue teorie elaborando nel 2011 un modello matematico che “sapesse anticipare” eventi umani mondiali, in quel caso le “primavere arabe”.

Classe 1920 (ci lasciò nel 1992), laureato in Chimica e Biologia, figlio d’immigrati russi, scrisse, pensate, anche un manuale di fisica utilizzato poi come libro di testo nel mondo anglosassone, anticipatore di diverse teorie matematiche, tra cui quella del Caos, ben esplicitata nel ciclo La Fondazione. Famoso per le leggi riguardanti la robotica (spunto per la moderna I.A) e per aver teorizzato I.A. telepatiche. Una piccola variabile iniziale sfasa il modello previsionale e una seconda variabile (la singolarità) di fatto fa saltare l’intero scenario, perché dimostra come un singolo individuo possa influenzare le masse, queste sono le basi d’alcune moderne teorie applicate alla meccanica quantistica. Curioso come Asimov non amasse viaggiare, rimase per quasi tutta la vita nella sua amata New York, proprio lui, che teorizzò viaggi spaziali tra le pieghe del tempo, a dimostrazione quanto la mente umana sia in grado di sviluppare esperienze affascinanti senza astronavi.

Marco Pugliese

Foto Home Trailer

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?