Coniugi scomparsi, nuove ricerche alla diga di Mori: c’è il rischio di dover attendere primavera

TRENTO. Giornata di intense ricerche anche ieri lungo il fiume Adige e alla diga di Mori da parte dei vigili del fuoco e dei carabinieri. Purtroppo ancora nessuna traccia dei coniugi Laura Perselli e Peter Neumair scomparsi da Bolzano da ormai venti giorni.

La diga è il punto dove si concentrano maggiormente gli sforzi e la pulizia regolare viene fatta ogni giorno manualmente e non automaticamente come al solito. Il timore è che non si arrivi ad alcun risultato fino alla prossima piena capace di smuovere anche le parti più profonde e questa potrebbe non arrivare prima di primavera. Alcuni punti limitrofi alla griglia sono profondi 12 metri e le correnti sono molto forti per dirigere il flusso verso il canale. Impossibile per i sub immergersi. Il freddo, inoltre, non aiuta a far emergere eventuali corpi. C’è la possibilità di un’attesa molto lunga per una risposta definitiva dal fiume. (a.c.)