Bolzano, ponte Loreto riaprirà al traffico venerdì

BOLZANO. Chi pensava che il disinnesco della bomba avrebbe risolto subito i problemi di traffico ha sbagliato le previsioni. Ponte Loreto e il sottopasso Mayr Nusser a Bolzano, infatti, saranno riaperti solo nella giornata di venerdì (tempo permettendo). Il tempo necessario per smantellare la struttura protettiva installata dall’Esercito attorno allo scavo. Si tratta di 900 metri cubi di sabbia.

Durante le operazioni sono state elevate due sanzioni da 206 euro in zona rossa e si è verificata un’emergenza sanitaria in corso Libertà che ha rallentato i lavori. L’operazione di bonifica è costata in tutto 20.000 euro. Coinvolti anche Alpini, Goer, vigili del fuoco volontari e croce bianca.

Il vicesindaco Luis Walcher è intervenuto anche sulle polemiche legate al raggio di protezione disegnato dal Comune. “Ogni bomba fa storia a sè ma le zone rossa e gialla sono il frutto di anni di esperienza degli artificieri. Non sono state tirate a caso. Derivano da valutazioni quantitative e qualitative dell’ordigno. A noi premeva che tutti i bolzanini andassero a letto sani e salvi come si erano alzati. Il resto sono polemiche”.

Riprenderanno subito, invece, i lavori per il cantiere di Signa che dovranno terminare entro il 20 novembre per garantire lo svolgimento del Mercatino di Natale.

Intanto la Protezione Civile ha fornito un dato curioso: il 20% della popolazione non sarebbe stato raggiunto dalla notizia dell’evacuazione. “Abbiamo anche ricevuto numerosi reclami per chiedere la riapertura del ponte da cittadini che non sapevano della bomba” chiude Walcher. Per questo motivo è passata un’automobile con l’altoparlante e sono stati affissi avvisi pubblici. Fortunatamente, infine, durante le operazioni non si è verificato alcun furto.

Alan Conti



Un pensiero riguardo “Bolzano, ponte Loreto riaprirà al traffico venerdì

I commenti sono chiusi.


Notice: Undefined index: img in /home/vvjzvqfc/public_html/wp-content/plugins/ct-ultimate-gdpr/includes/views/cookie-popup.php on line 116