Bressanone, fermato con 53 ovuli di cocaina nello stomaco

dav

BRESSANONE. Viaggiava con 53 ovuli nello stomaco per spostare 800 grammi di cocaina senza destare sospetti. La guardia di finanza di Bressanone, però, ha fermato la corsa di un cittadino nigeriano di 20 anni (O.R. le sue iniziali) controllato a bordo del treno Eurocity 89 diretto a Bologna da Monaco di Baviera. Alla verifica dei documenti il ragazzo si è dimostrato subito particolarmente nervoso fornendo risposte contraddittorie sull’itinerario del suo viaggio. Nel bagaglio, infatti, aveva un biglietto aereo Milano-Amsterdam utilizzato da poco con la compagnia “Vueling”. Pur essendo incensurato è stato accompagnato in caserma per ulteriori controlli. Durante il colloquio ha accettato di buon grado cibo e bevande nonostante la pericolosità di ingerire sostanze alimentari con 53 ovuli nello stomaco. E’ stato l’esame specifico svolto nell’ospedale brissinese a portare a galla la verità. Immessa sul mercato la cocaina avrebbe fruttato 150.000 euro visto il grado di purezza. L’episodio, in ogni caso, conferma come il trend dei corrieri con ovuli sia in preoccupante crescita. (a.c.)


Condividi

Lascia un commento