Voghera, l’assessore leghista accusato di eccesso colposo di legittima difesa

VOGHERA. L’accusa per l’assessore leghista Massimo Adriatici dopo la sparatoria al bar Ligure di Voghera è passata da omicidio volontario ad eccesso colposo di legittima difesa. I carabinieri si stanno occupando della ricostruzione dell’accaduto. Alle 22 dell’altro giorno Youns El Bossettaoui, 38 anni, è entrato nel locale molto ubriaco, sdraiandosi a terra, importunando una giovane ed iniziando a tirare bottiglie ovunque. L’ultimo episodio di una serie negli ultimi giorni (oltre ad una lunga lista di precedenti tra furti, rapine e droga). L’assessore Adriatici si avvicina al cittadino marocchino e gli mostra il telefono con cui intende chiamare la polizia ed una pistola. Lui si agita, chiede di non chiamare le forze dell’ordine. A quel punto, secondo quanto racconta Adriatici, l’assessore viene spinto a terra e nella caduta spara inavvertitamente colpendo a morte lo straniero.

Alan Conti