Val d’Isarco, percepivano il reddito di cittadinanza senza risiedere in Italia: denunciati

BOLZANO. Percepivano il reddito di cittadinanza senza conoscere una parola di italiano e senza nemmeno risiedere in Italia. Due cittadini romeni sono stati denunciati dagli uomini del commissariato di polizia di Brennero dopo una segnalazione di un ufficio postale della Alta Val d’Isarco. I due, un uomo di 27 anni ed una donna di 21 anni, si sono recati allo sportello per riscuotere l’aiuto pubblico ma sono subito risultati sospetti vista la loro incapacità di parlare in italiano.



Uno dei requisiti per percepire il reddito di cittadinanza è la residenza sul territorio nazionale da almeno 10 anni di cui gli ultimi 2 in modo continuativo. Per questo motivi i poliziotti hanno portato i due in commissariato per ulteriori verifiche. Una volta identificati è emerso come percepissero i soldi senza averne diritto e senza essere residenti sul territorio nazionale contrariamente a quanto dichiarato agli operatori dell’Inps. Sono stati denunciati per truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche con immediata comunicazione agli uffici competenti per sospendere l’erogazione dei contributi. (a.c.)


Il video del giorno