Ticket da 100 euro per i turisti caduti nel Lago di Braies

Pagheranno un ticket sanitario di 100 euro i turisti caduti nelle acque ghiacciate del Lago di Braies nei giorni di Pasqua e Pasquetta. A spiegarlo è oggi l’assessore provinciale Arnold Schuler a Luigi Ruggera sul Corriere dell’Alto Adige. La sollevazione di indignazione via social per quel bimbo di quattro mesi portato su una lastra sottile di ghiaccio, ovviamente, non modifica le norme. Così come non cambia questo scenario la segnalazione alla procura dei genitori. 

IL DISCRIMINE È IL PERICOLO DI VITA 

Il discrimine è l’effettiva situazione d’emergenza e il pronto soccorso per le persone in difficoltà è gratuito”. Questo, dunque, a prescindere dal mondo in cui le stesse persone si sono infilate nella situazione di pericolo: se per sfortuna o leggerezza. In Alto Adige, quindi, la giustificazione medica e la situazione di pericolo di vita (come nel caso di Braies) sono sufficienti ad applicare la compartecipazione da 100 euro. D’altronde pensiamo a quanto possa essere difficile stabilire, per esempio, se un intervento di recupero in montagna dopo un cambiamento meteo possa essere imputabile all’imperizia o alla sfortuna. La reale emergenza dovuta al pericolo di vita è, alla fine, il criterio più oggettivo.

COSA SUCCEDE SE NON VI È PERICOLO?

Nel caso, tuttavia, la macchina dell’elisoccorso venga avviata per criticità che non sono emergenze vitali allora scatta una compartecipazione molto più salata. “Si arriva fino ad un massimo di 1.000 euro ma non era questo il caso di Braies”. 

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5851 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?