Silandro, pagamenti fuori busta a 23 lavoratori: fiamme gialle in un’azienda edile

SILANDRO. Operazione della guardia di finanza presso un’azienda edile di Silandro in Val Venosta dove le Fiamme Gialle hanno scoperto 23 lavoratori irregolari di cui 4 minorenni. Il tutto durante una verifica fiscale. Ad attirare l’attenzione dei finanzieri sono stati alcuni documenti digitali informali che riportavano, suddivisi per cantiere, i costi sostenuti dalla ditta e le ore effettivamente lavorate da ciascun dipendente straordinari compresi. Confrontando questi dati con quelli riportati sul Libro Unico del Lavoro sono emerse gravi anomalie riferiti al periodo 2015-2019. In sostanza molti lavoratori avrebbero ecceduto l’orario ordinario senza che questo sia stato riportato cartolarmente nella documentazione obbligatoria. La guardia di finanza ha quantificato in 3.400 le ore di straordinario pagate “fuori busta”.



A carico della società edile è subito stata comminata una sanzione amministrativa che può arrivare fino a 6.000 euro. Inviata, però, anche una segnalazione alla procura del titolare per aver fatto lavorare 4 adolescenti (di età compresa tra i 15 e i 18 anni non ancora compiuti) per più di 8 ore e giornaliere e 40 settimanali. Le ore straordinarie pagate fuori busta ai minorenni sarebbero 221. La violazione di questi limiti può portare all’arresto fino a 6 mesi o ad un’ammenda di 5.164 euro. Contestate pure alcune violazioni tributarie in quanto la società avrebbe sottofatturato diversi cantieri nascondendo al Fisco un milione di euro di ricavi.

Alan Conti

Foto Gdf


Il video del giorno