Ramoser: “Contenta dell’espulsione del mio aggressore ma non si fermino i controlli a Bolzano”

BOLZANO. “Sono molto contenta che la polizia abbia individuato il mio aggressore”. L’assessora comunale Johanna Ramoser osserva con soddisfazione il bollettino dell’operazione della questura di Bolzano che ha portato gli agenti ad individuare il cittadino gambiano di 23 anni che la aggredì al parco Stazione. Sarà espulso con accompagnamento al Centro per Rimpatri di Gradisca d’Isonzo: la pena più dura dell’operazione condotta da squadra mobile e volante.



“E’ giusto ma sarebbe scorretto parlare di misura attuata solo perché ha alzato la voce aggredendo un politico. Mi pare che l’elenco dei suoi precedenti, dallo spaccio alla resistenza, sia piuttosto nutrito. E’ ora che finalmente paghi per quello che ha fatto. Allo stesso tempo non sono soddisfatta della situazione perché non sono così ingenua da pensare che tutto si risolva fermano chi si è dimostrato un delinquente nei miei confronti. I controlli a tappeto vanno mantenuti con continuità senza fermarsi. L’obiettivo vero è allontanare tutti gli individui che portano delinquenza”.

Alan Conti

Foto Ramoser Facebook

WEBCAM HD OGGI A 19 EURO SU AMAZON