Party di Carnevale nei paesi altoatesini: raffica di sanzioni

BOLZANO. Il periodo di Carnevale in Alto Adige ha portata con sé una scia di feste. Lavoro straordinario, dunque, per i carabinieri delle diverse compagnie e stazioni che hanno sanzionato decine di persone per il mancato rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia da Covid 19.

A Curon Venosta, per esempio, quindici giovani sono stati sanzionati per una festa privata di Carnevale senza il minimo distanziamento tenuta nel pomeriggio di Giovedì Grasso con la creazione, di fatto, di un assembramento. Stessa situazione a Silandro con dieci giovani ad un party tra non conviventi senza alcuna distanza tra loro. A Brunico, invece, sono state nove le persone sanzionate per ubriachezza in pubblico. A Nalles altri dieci ragazzi si sono trovati per una festa senza protezioni né distanziamento: molti arrivati, oltretutto, da altri comuni. Anche in questo caso, inevitabilmente, sono fioccate le multe. A Laion il numero di sanzionati è salito addirittura a 35 come i partecipanti di un party all’interno di un locale pubblico che sarebbe dovuto essere chiuso secondo l’ordinanza della Provincia. Tra i multati anche il titolare dell’esercizio.



Sanzioni per il mancato rispetto delle disposizioni anti Covid da parte dell’Arma sono arrivate anche per altre situazioni differenti. A Valdaora, per esempio, i carabinieri hanno fermato una donna di Firenze di 31 anni e un uomo di 29 anni di Treviso che hanno spiegato di trovarsi lungo la Strada Statale 49 della Pusteria per effettuare degli interventi tecnici presso un’azienda di Bolzano. Peccato che la ditta avesse cessato da tempo la sua attività. Per loro è scattata anche la denuncia in stato di libertà per false attestazioni ad un pubblico ufficiale. A Naturno, invece, un giovane cittadino svizzero è stato fermato perché si trovava fuori dal comune di residenza senza un valido motivo. Stessa violazione amministrativa per un uomo di 31 anni entrato in Italia dall’Austria e pizzicato a Resia. A Brunico, inoltre, multate per identico motivo due persone residenti ad Udine e una in Val Badia.

Le sanzioni comminate variano da 400 a 1.000 euro con aumento di un terzo per chi la commette mediante l’utilizzo di un veicolo.

Alan Conti

Foto Carabinieri

 

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5655 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?