Occhio Italia, Belfast è maledetta

Non è bello giocarsi l’accesso ai Mondiali a Belfast, diciamocelo. Potevano esserci città migliori per centrare i mondiali sulla strada dei ragazzi di Mancini imbavagliati da un’ansia inconsueta. Certo, potevano anche esserci Nazionali molto peggiori di questa (a proposito, Ventura ha lasciato le panchine) quindi i processi alle intenzioni lasciano il tempo che trovano.

Però Belfast rimane città dal cielo poco azzurro. Sicuro meno di Berlino.

Partiamo dalle cose più pratiche: gli irlandesi del nord sono gente orgogliosa e lo stadio è un fortino. Anche politico. Oggi Windsor Park sarà pieno con 16.000 spettatori (altro che 75%). Chi pensa che la partita non conti per loro ha sbagliato indirizzo.

Passiamo ora ai precedenti. Sinistri. L’Italia ha giocato 2 volte a Befast: una l’8 ottobre 2010 nella qualificazione ad Euro 2012 che finì 0-0 e una nel 1958 dove un 2-1 ci estromise dal Mondiale in Svezia. Un incrocio di nazioni e contenuti da fantasmi nell’armadio.

Sorvoliamo, infine, sui 0 gol incassati dagli irlandesi a Windsor Park in queste qualificazioni a Qatar 2022 e le 0 partecipazioni ai Mondiali di Mancini nella sua carriera.

A volte, tuttavia, il calcio sceglie delle notti per sovvertire tutti i numeri e mandare le carte all’aria.

Tante di quelle notti sono state nostre.

Alan Conti

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5744 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?