Mottarone, segnali positivi per il risveglio del bimbo sopravvissuto

TORINO. Procede gradualmente e con primi esiti positivi il risveglio del bambino di cinque anni unico superstite della tragedia del Mottarone. Si trova ancora in prognosi riservata dell’ospedale Regina Margherita di Torino dove i medici hanno iniziato a risvegliarlo. Le prime risposte sono state positive con qualche colpo di tosse ed attimi di respiro spontaneo. A stargli accanto c’è una zia: è importante che nei momenti di ripresa di coscienza il piccolo veda dei volti conosciuti.



L’ultima Tac ha escluso danni neurologici ma il bimbo è stato sottoposto ad una lunga operazione per ridurre le fratture alle gambe, al braccio e le lesioni alla clavicola. Fortunatamente non dovrebbe avere problemi di deambulazione ma, dopo il risveglio, il dolore sarà gestibile solo con massicce dosi di analgesici. Un equipe di psicologi è pronta a seguire la sua ripresa (nell’incidente ha perso i genitori, il fratello di due anni ed il bisnonno) cercando di capire quali possano essere i suoi ricordi e le sue consapevolezze.

Alan Conti