Mc Plant, arriva il panino vegetariano di Mc Donald’s

Mc Plant è il nome del panino vegetariano che Mc Donald’s sta testando ormai da diversi mesi. Ora tocca a otto ristoranti negli Stati Uniti dopo Canada, Svezia e Danimarca. E in Italia?

Si chiamerà “Mc Plant” e sarà il nuovo panino vegetariano che Mc Donald’s ha deciso di lanciare qualche mese fa e ora sta testando in varie zone. Ora è il momento di otto ristoranti statunitensi. Si tratta di una nicchia di mercato che la M gialla aveva già provato a sondare in passato. Erano, però, tempi dove l’alimentazione senza carne animale era decisamente meno diffusa in termini di persone e mercato rispetto ad oggi (vale la pena sottolineare, invece, alcune iniziative benefiche).

Il Mc Plant, prodotto assieme all’azienda leader nello sviluppo di prodotti alternativo alla carne Beyond Meat è stato presentato giovedì al pubblico statunitense e sarà messo a disposizione dei primi ristoranti da novembre. Immediatamente le azioni di Beyond Meat si sono alzate mentre prosegue la battaglia dei grandi competitor nel fast food alla ricerca del panino in grande di conquistare definitivamente il mercato di chi non mangia carne e rifugge questo genere di proposte (anche per motivi etici).

I RISTORANTI DOVE ARRIVERA’ MC PLANT

Precisamente il giorno di lancio sarà il 3 novembre e riguarderà i Mc Donald’s di Cedar Falls (Iowa), Irving e Carrollton (Texas), Jennings e Lake Charles (Louisiana), El Segundo e Manhattan Beach (California). Nel 2020 era stato testato anche in Canada prima del passo successivo negli States. Timide prove sono state condotte pure in Europa scegliendo Svezia e Danimarca come aree di test.

Il tortino all’interno del panino è composto da piselli, riso, patate e altri ingredienti su pane di sesamo servito con pomodoro ed il classico formaggio americano ma non è ancora noto se sarà poi distribuito anche su larga scala. Con ogni probabilità questa prima diffusione corrisponde ad una fase di test su cui Mc Donald’s non si è ancora espressa in modo dettagliato. Tutto lascia supporre, comunque, che l’approdo nei menù di tutto il mondo sia solo una questione di tempo.

Alan Conti