Maschile generico, bocciata la mozione per re-introdurlo in Alto Adige

BOLZANO. Maschile generico. Questa la formula che ieri ha acceso la discussione in consiglio provinciale a Bolzano in seguito alla mozione presentata da Ulli Mair (Freiheitlichen) per il ripristino di questa formula nelle comunicazioni istituzionali della Provincia e della scuola. Per intenderci: basta con gli asterischi sui plurali a favore di diciture più stringate ed univoche. Donne e uomini sotto una stessa convenzione ma non per eclissare il mondo femminile. Anzi, il contrario (almeno nelle intenzioni di Mair). Il tutto a poche ora dalle polemiche per la Collina dei Saggi a Bolzano. “Il linguaggio complesso della doppia dicitura forzata rende spesso tutto più complesso e meno comprensibile” spiega la consigliera dei Freihietlichen. “Non solo, così facendo si continua a mettere l’accento sulle differenze di genere anche dove non sarebbe così necessario. Paradossalmente è proprio il linguaggio di genere a creare un solco in determinati contesti. Esistono pure studi scientifici che corroborano questa visione”. Una mozione che è stata respinta dal consiglio. Non senza una punta di veleno da parte della proponente. “Nella Stella Alpina ci sono consiglieri che si sono schierati contro per mostrarsi buoni e tolleranti poi, fuori dall’aula, esprimono opinioni decisamente diverse”.



Contraria a questa impostazione Brigitte Foppa (Verdi): “E’ un passo indietro che banalizza il tema”. “Ponendo certe definizioni solo al maschile si determinano pure le aspettative – commenta Maria Elisabeth Rieder (Team K) – perché il linguaggio plasma la realtà”. Favorevole, invece, Sven Knoll (Stf): “La vera discriminazione è continuare a sottolineare la differenza con l’uso di asterischi o simili”. Competente per le pari opportunità in giunta è direttamente il presidente della Provincia Arno Kompatscher: “Certi interventi sono incomprensibili. E’ chiaro che la lingua di anni fa non è la stessa che parliamo oggi. In passato sottintendeva messaggi che non sono gli stessi attuali. Certe discriminazioni vanno contrastate”. “Usare la definizione di entrambi i generi è ovvio ed è un diritto fondamentale” la conclusione lapidaria dell’assessora Waltraud Deeg.

Alan Conti

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5744 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?