L’Italia soffre ma c’è: Turchia superata 3-1

TOKYO (Giappone). È stata una sfida più dura di quanto dica il risultato alla Ariake Arena. Masticata morso a morso dalle Azzurre contro una Turchia che si è messa al braccio la fascia degli Ottomani combattenti guidati da un capitano che conosce bene le terre italiane: Guidetti. Vale moltissimo, dunque, la vittoria centrata questa mattina dalle ragazze di Davide Mazzanti per 3-1 contro la Turchia. Più della vetta della classifica (in coabitazione con gli Stati Uniti) e più dei tre punti in sè. Le ragazze tricolori sono andate in difficoltà, hanno faticato a trovare continuità e hanno mostrato ancora decisi margini di miglioramento (che però vanno conquistati e non dati per scontati). Eppure hanno vinto. Lo hanno fatto battagliando punto a punto praticamente ogni set tranne il quarto. Appoggiandosi in parte ad una Egonu (29 punti) che è passata con una certa intermittenza da leader della provvidenza a imprecisa. Ma pur sempre, infine, decisiva. Mazzanti sta ancora cercando la centratura delle bande con Bosetti (13) presente e preziosa a tratti, Petrini (4) con passaggi di difficoltà e capitan Sylla (9) con una condizione che non le concede grande continuità (anche se la scossa emotiva che porta è sempre quella più intensa della squadra). Bene, invece, al centro Fahr (al di lá di qualche errore di troppo sulle battute flottanti troppo profonde) che è spesso un martello di primo tempo (10 punti). Più anonima Danesi (6) che stavolta fatica ad accendersi. Tra tutte, forse, è la vittoria di Malinov (3) che si dimostra abile a distribuire il gioco in un contesto dove molte delle azzurre hanno faticato ad essere continue. Pescare ogni volta la carta giusta dal mazzo quando questo ruota come una roulette è più difficile. Se vogliamo trovare un difetto nella prova della nostra alzatrice va ricercato in alcune chiusure a muro dove scivola un po’ troppo (ma in altre è sigillante e compatta con le centrali). Più oscuro del solito ma comunque solido l’apporto di De Gennaro.

Nelle fila turche, argento agli Europei 2019, impressionano la garra e la continuità di Erdem (11) con Guidetti che alterna costantemente il palleggio. Affascinano anche alcuni colpi e la lettura delle posizioni di Gunes che vedremo nel nostro campionato. Per lei uno score di tutto rispetto per una centrale: 14 e top scorer delle turche. Opaco, stavolta, il talento di Karakurt (6).

I parziali dicono 25-22; 23-25; 25-20 e 25-15 con un terzo set che è stato l’unico in pieno controllo senza ritorni delle turche. Dopodomani Italia di nuovo in campo contro l’Argentina che pare la più debole del raggruppamento.

Alan Conti

Foto Federvolley

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5581 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?