L’annuncio: “Cina e Russia insieme sulla Luna entro il 2030”

ROMA. Cina e Russia vogliono tornare assieme sulla luna entro il 2030. Lo ha spiegato la direttrice degli affari internazionali dell’Agenzia Spaziale Italiana Gabriella Arrigo in occasione della riunione del Comitato delle Nazioni Unite sullo spazio. In realtà la dead line sarebbe stata tracciata dai due Paesi entro il 2029 ma la sostanza è quella di un nuovo approdo sul satellite entro questo decennio.

Una decisione che porta nuovi dubbi sul destino della Stazione Spaziale Internazionale (Iss) raggiunta in questi giorni dall’equipaggio Crew Dragon 2. La Russia avrebbe da poco abbandonato la collaborazione su questa importante infrastruttura tecnologica. “Pare che i russi abbiano voluto rispondere ai piani Usa di Donald Trump e Joe Biden di tornare sulla Luna entro il 2024. Una missione in cui è già stata chiesta la collaborazione dei Paesi alleati. Il patto tra Cina e Russia è la risposta a quel programma” spiega Arrigo. Il contributo russo a Iss, però, non è secondario dato che è solo grazie alla tecnologia sovietica di RosKosmos che in questi anni si è potuto mantenere il collegamento da terra con la Stazione. SpaceX, tuttavia, ha cambiato di nuovo le prospettive con gli statunitensi che sono tornati a portare equipaggi in orbita aprendo ai privati parte del loro programma spaziale. “I russi vogliono fare altrettanto e puntano a costruire una nuova stazione spaziale più inclinata verso la Terra e quindi con una vista migliore per eventuali turisti. Operazioni che hanno comunque costi enormi”.

Alan Conti

Foto Alessandro Saladini