Italia attenta: con la Svizzera non sarà facile

ROMA. Non sarà facile. Questo è il punto di partenza della partita che stasera alle 21.00 a Roma riporterà in campo l’Italia vista e piaciuta della prima sfida con la Turchia. Stavolta attendiamo la Svizzera: avversario che ci ha sempre dato dei problemi. Una vittoria significa qualificazione e se il Galles non batterà la Turchia (probabile) anche primo posto aritmetico. Una sorta di lusso in antitesi ai tradizionali affanni italici nelle fasi a gironi. Negli ultimi incroci con gli elvetici, però, abbiamo portato a casa una sola vittoria. Diciotto anni fa. Poco importa che la Svizzera abbia steccato l’avvio con il Galles con alcune stelle sottotono: qui ci saranno altre motivazioni e pure le spalle abbastanza al muro dato che l’Europeo non è un torneo da Storia Infinita. Xhaka e Seferovic potrebbero ridestarsi e Petkovic in panchina è un volpone che ha domato Lotito. Non semplice. Freuler con la benzina Gasperini è stato il secondo miglior giocatore per media voto del campionato dietro a Lukaku: frullerà tra Jorginho e Locatelli e darà fastidio. Shaqiri è una mezza punta da appuntamento su Tinder: non sai mai come si presenterà ma se è la serata giusta ti schianta. Il più preoccupante è però Embolo che nella partita d’esordio è parso elettrizzato. Fisico, potenza e tecnica. Sarà più tosto degli attaccanti turchi per Chiellini e Bonucci. Vediamo se nei raddoppi Di Lorenzo non sarà troppo leggerino (il dubbio con Toloi era legato proprio a questo aspetto). Punti deboli? Ce ne sono ovviamente. Difficoltà nell’impostazione dal basso e fasce non proprio da catturare l’occhio. Mbabu scorrazza forte a destra ma difende in modo inversamente proporzionale, Rodriguez lo conosciamo e non è certo ingestibile. Spinazzola, Di Lorenzo, Insigne e Berardi sono allertati nell’allargare il più possibile il campo. E poi in panchina c’è Chiesa che potrebbe spaccare la partita quando le gamme saranno più pesanti. La difesa avversaria, inoltre, non è un Mose moderno ma spesso ha paratie a tenuta poco stagna. Attenzione che la Svizzera ha anche riposato un giorno in meno rispetto a noi e si è sorbita uno spostamento da Baku a Roma mentre gli Azzurri sono rimasti tranquilli in Italia.

C’è spazio per la fiducia ma antenne dritte: non sarà facile.

Alan Conti

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 6053 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?