Il 16% degli altoatesini non intende vaccinarsi

BOLZANO. L’istituto di statistica provinciale Astat ha pubblicato uno studio relativo alle disposizioni per contrastare l’epidemia di Sars Cov 2. È emerso come, in Alto Adige, il 16% della popolazione (circa 67.000 persone) non intenda vaccinarsi. La motivazione più diffusa è che dietro quel che sta accadendo ci sia un non precisato complotto mondiale. Oltre a questo il 66% degli intervistati che non intendono fare il vaccino ha paura delle reazioni avverse, il 51% non crede nell’efficacia della vaccinazione, il 13% ha paura di un uso improprio dei dati personali, il 6% teme che la vaccinazione sia dolorosa e per il 5% il Covid non esiste. Il 15%, invece, ritiene non sia necessario vaccinarsi dato che l’immunità di gregge arriverà comunque (ma deve immunizzarsi il 70% della popolazione). Per un 22% la pandemia è solo un interesse delle case farmaceutiche.
Il 2,9%, invece, si definisce insofferente alle norme imposte per bloccare la diffusione dell’infezione. Alcuni proprio rifiutando di seguire le regole non indossando mai la mascherina. La percentuale era di 1,5% nell’ultima rilevazione.
Non solo, due altoatesini su tre ritengono improbabile ammalarsi ed il 70% è convinto di non avere conseguenze gravi nel caso in cui dovesse infettarsi.
Il 70% si fida degli operatori sanitari e della Protezione Civile è solo il 10% dei social o degli influencer.
Per quanto concerne la vita sociale il 44% ha ammesso di aver fatto meno pratica sportiva in questo periodo, il 14% ha mangiato più cibi spazzatura, il 9% ha aumentato il consumo di alcolici e il 6% ha fumato di più. Il 26%, infine, ha rinunciato ad una visita medica.

Alan Conti

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5578 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?