I sindacati dei pensionati altoatesini: “No agli operatori non vaccinati spostati alle cure domiciliari”

BOLZANO. “Non spostare gli operatori delle Rsa non vaccinati ai servizi domiciliari”. E’ questa la richiesta dei sindacati dei pensionati di Cgil, Uil ed Asgb in una nota. “Proprio l’ambiente casalingo può essere particolarmente pericoloso per il diffondersi del contagio tra alcuni anziani”. Vanno potenziate le campagne informative per convincere gli operatori a vaccinarsi”. Chiesta anche l’apertura di un tavolo per comprendere come saranno eventualmente riorganizzati i servizi. (a.c.)