Fantacalcio, il momento di Don Rodrigo

BOLZANO. Vigilia della trentunesima giornata di Campionato con mille dubbi su chi schierare. Sì, perché che lottiate per il vertice, per u

 

na coppa oppure solo per non retrocedere o arrivare ultimi, il momento di schierare la vostra fanta-formazione è il momento più importante e delicato della vostra giornata.

Ecco allora le nostre consuete “fanta-dritte” che non sono le dritte per gustare al meglio la “Fanta”….

De Paul (Udinese): da troppo tempo il nostro Don Rodrigo è all’asciutto di bonus. Con un Crotone oramai spacciato (ma sicuramente non domo) l’Udinese vorrà portarsi avanti e chiudere la “pratica salvezza”. Speranzosi come un bimbo a Natale, attendiamo l’avvento dei bonus argentini.

Candreva (Sampdoria): vuoi che a “tirargliele dietro” tante volte forse il bell’Antonio ci ripaghi almeno con un assist? Al Doria manca ancora la matematica certezza della salvezza, il Verona, beh, è ampiamente salvo e difficilmente potrà inserirsi nel discorso Europa. Siamo sicuri che Ranieri avrà strigliato i suoi e non vorrà bissare un’altra debacle tra le mura amiche. Dai Antonio, dai!

Traorè (Sassuolo): eccola la nostra scommessa di giornata. Scommessa fino ad un certo punto, perché lo score del giovanissimo Ivoriano è in costante ascesa. Fiorentina – è vero – ancora invischiata nella zona calda e quindi disperatamente bisognosa di punti, ma in casa del Sasol non è mai una passeggiata. Poi a noi (ma sicuramente non solo a noi) quest’anno la Viola non ci ha mai convinto…

Joao Pedro (Cagliari): col Parma in casa drammatica partita da “mors tua, vita mea”.  Il brasiliano che così bene ci ha abituato negli ultimi anni, viene da un periodo non brillantissimo come tutto il Casteddu. Siamo però stra-sicuri che in queste occasioni il brasiliano risponderà “presente”.

Barrow (Bologna): i felsinei reduci da una sfortunata sconfitta a Roma, vorranno dimostrare gli ottimi progressi fatti nel girone di ritorno. Le partite contro uno Spezia che cercherà di portare a casa almeno un punto sono quelle di Musa Barrow. Gli amici di Bologna poi ci confidano che il gambiano vuole arrivare in doppia cifra.. Facile no?

 

Mkhitaryan (Roma): da quando è rimasto fuori a causa dell’infortunio non è più tornato ai magnifici livelli di quest’anno. Anche ieri in Europa League è apparso fuori dagli schemi e poco preciso. Ha giocato praticamente tutta la partita, pertanto è dato pensare che sarà pure affaticato. In casa di un Toro lanciatissimo in ottica salvezza è meglio forse guardare altrove.

Pessina (Atalanta): riaggregato al gruppo solamente da giovedì. Conoscendo Gasperini, è probabile che non scenda nemmeno in campo. Nonostante la Madama non ci faccia spellare le mani per applausi, è in scia positiva e potrebbe pure fare il colpaccio. In ogni caso, il buon Matteo, tra la miglior forma da ritrovare e l’avversario ostico è meglio lasciarlo in panca.

Caprari (Benevento): ultime tre partite giocate da subentrato. L’ultimo gol risale alla ventunesima giornata. La Lazio si gioca in casa le rimanenti chances di agganciare un posto utile per la Champions. Difficile immaginare una doppietta dell’attaccante romano. Voi ci credete invece? Beh allora schieratelo, però poi non dite che non ve l’avevamo detto…

Bonaventura (Fiorentina): no, non stiamo giocando a “affossa un centrocampista della Fiorentina a settimana”. Jack ci aveva illuso con una bella partenza, ma poi si è perso: prestazioni non degne di finire negli Almanacchi Panini, i bonus mancano dalla ventesima giornata.  Senza nerbo come quasi tutti i suoi compagni di squadra.

Bentancur (Juventus): non ci ispira, è inutile girarci attorno. Su 25 partite giocate solo 3 assist e fanta-media del 6. Da lui ci si aspetta ben altro. Rispetto alla Juve di Sarri pare essersi scambiato con il fratello scarso. Da Bergamo arriveranno da tutte le corsie, ergo rischio errori e soprattutto cartellini gialli. Preferibili i suoi compagni di reparto, se li avete. Chessò uno a caso.. Chiesa?

 

Roberto Carta


Il video del giorno