Bolzano, schianto in A22: gravissimo un camionista italiano

BOLZANO. Un incidente particolarmente grave ha causato questa mattina notevoli disagi lungo l’autostrada del Brennero oltre, purtroppo, il ferimento grave di un autotrasportatore italiano di 41 anni. Alle ore 9 lungo la corsia nord tra Egna e Bolzano Sud un camion sembra aver urtato violentemente una automobile marca Seat modello station wagon arrivando poi a coinvolgere, a catena, un altro mezzo pesante. Nell’urto, dunque, sono stati coinvolti tre mezzi: due camion e la vettura. A bordo della macchina vi erano due persone, entrambe con infortuni non gravi soccorse dalla croce bianca e trasferite all’ospedale di Bolzano. Illeso il guidatore del tir che procedeva avanti mentre la cabina del mezzo pesante (che, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe tamponato l’automobile) si è schiacciata verso il camionista. Necessario, infatti, il lavoro dei vigili del fuoco del corpo permanente di Bolzano, arrivati sul posto con la squadra coordinata da Francesca Monti, per liberarlo. Grazie alle pinze idrauliche hanno sottratto il ferito alle lamiere affidandolo all’elisoccorso dell’Aiut Alpin Dolomites per un trasporto più veloce verso il pronto soccorso dell’ospedale San Maurizio di Bolzano. Ha riportato un politrauma molto serio con particolare interessamento degli arti inferiori il che lo pone, purtroppo, in pericolo di vita. Durante il trasporto il ferito è rimasto parzialmente cosciente riuscendo solo ad emettere qualche lamento.

La dinamica esatta dell’incidente è al vaglio della polizia stradale mentre il centro operativo autostradale ha gestito le operazioni, non facili, di gestione della mobilità durante il soccorso. Entrambe le corsie dell’autostrada sono state chiuse imponendo l’uscita obbligatoria ad Egna. Solo alle 10.30 è stata riaperta una corsia levando la deviazione al casella di Egna e tornando lentamente alla normalità. Le code hanno raggiunto i due chilometri di lunghezza. Alle operazioni di rimozione dei mezzi e pulizia della carreggiata hanno partecipato anche i vigili del fuoco volontari della sezione di Egna.

Alan Conti


Condividi