Bolzano, la musica alle 22 in corso Libertà? Costa 206 euro di sanzione

BOLZANO. La cassa con la musica acustica alle 22.10 in corso Libertà a Bolzano costa 206 euro. Di sanzione. E’ quanto dovrà pagare il locale Fantasy Lounge al civico 28 di corso Libertà che è stato destinatario di una multa comminata dalla polizia municipale il 12 giugno. La musica che usciva dalle casse poste in corso Libertà (all’entrata del bar) e in via Longon (in corrispondenza della terrazza estiva) era udibile fino all’altro lato della strada. Troppo. I vigili, dunque, hanno elevato la sanzione di 200 euro cui vanno aggiunti 6 di spese di notifica.

Particolarmente amareggiato per l’accaduto è il titolare Erion Maloku. “Facciamo subito una premessa: ci sono delle regole, vanno rispettate, abbiamo sbagliato e paghiamo. Detto e fatto questo, tuttavia, è il caso di avviare un ragionamento con il Comune di Bolzano su quanto sta avvenendo per corso Libertà”. Il limite massimo per la musica all’esterno, infatti, è particolarmente stringente. “Per noi è fissato alle 21 quando in Centro si può arrivare fino alle 22 e in zona industriale veleggia ampiamente fino a Mezzanotte. Corso Libertà commercialmente fa molta fatica ma qui si sta mettendo in difficoltà anche gli esercenti dei locali”. Un discorso che non riguarda solo il Fantasy. “Affatto. E’ accaduta la stessa cosa a qualche altro collega. E’ del tutto evidente che con un limite così stringente le persone se ne vanno presto. O addirittura preferiscono direttamente non venire. Non chiediamo tanto ma di tollerare la musica fino alle 22 o 22.30 almeno nelle settimane estive quando stare all’aperto è bello per tutti e c’è chiaro fino alle 21. La sanzione suona come una beffa se consideriamo che abbiamo scelto apposta delle casse solamente acustiche senza i bassi per arrecare il minore disturbo possibile”. I residenti potrebbero non essere troppo d’accordo con questa estensione dell’orario di tollerabilità. “Stiamo parlando di pochi mesi e di un limite alle 22.30, non alle 3 di notte. La chiamata alla polizia municipale è arrivata da qualche inquilini vicino, lo sappiamo. Ci sta, ma a queste persone vorrei chiedere cosa ci guadagnano a mettere in difficoltà gli esercenti? Cosa faranno se un giorno corso Libertà si svuoterà ancora di più perdendo valore anche immobiliare? Che la strada sia viva è nell’interesse di tutti, non solo nostro. Sempre all’interno di un discorso che sia equilibrato e rispettoso dei limiti imposti per tutelare chi vuole riposare. Ripeto: parliamo delle 22.30 in estate. Il limite sarebbe ragionevole. Vado a pagare questa sanzione ma auspico che questi 206 euro siano spesi anche per avviare davvero una riflessione importante per aiutare tutti. Anche noi che diamo vita a corso Libertà e paghiamo lo stipendio a dei dipendenti”.

Alan Conti

Alan Conti

Alan Conti, direttore responsabile Bz News 24. Peregrinando tra redazioni e televisioni. Città e situazioni. Sempre alla ricerca della prossima notizia da raccontarvi.

Alan Conti has 5655 posts and counting. See all posts by Alan Conti

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?