Bolzano, il Comune ritira il progetto Sprar per 20 minori

BOLZANO. Il Comune di Bolzano ritirerà il progetto Sprar per l’accoglienza di 20 minori (15 maschi e 5 femmine) tramite Assb nella vecchia sede centrale di via Roma. Il costo era di 511.000 euro. “Mi rendo conto sia un costo impressionante – il commento del consigliere comunale Claudio Della Rattama è più basso rispetto al costo di un minore in comunità che ammonta a circa 30.000 euro annui”. La volontà, quindi, era di attuarlo nello stabile di via Roma che vede ancora un contratto triennale in essere tra il Comune di Bolzano e il proprietario. Necessario, però, chiedere la variazione della destinazione d’uso in accordo con il titolare dell’immobile (al momento si tratta di uffici). “E’ arrivato parere sfavorevole – chiude Della Ratta – e i tempi sono stretti per sperare di trovare un altro luogo idoneo. La giunta ha quindi inserito all’ordine del giorno il ritiro del progetto Sprar”. (a.c.)