Bolzano, accerchiano i poliziotti al Parco Stazione: tre arresti

 

BOLZANO. Momenti di tensione giovedì pomeriggio al parco Stazione di Bolzano dove un gruppo di stranieri ha accerchiato i poliziotti della squadra volante del capoluogo e del reparto prevenzione crimine della Lombardia. Una scelta che ha avuto come conseguenza l’arresto di tre di loro.

Durante i controlli, infatti, gli agenti hanno requisito 2,47 grammi di hashish ad un cittadino marocchino segnalato come abituale assuntore di sostanze stupefacenti. Poco dopo hanno individuato il presunto spacciatore in un cittadino gambiano di 30 anni che si trovava nelle vicinanze con alcuni connazionali. Lo straniero, a quel punto, ha tentato di allontanarsi in sella alla sua bicicletta e, raggiunto, ha insultato i poliziotti minacciandoli di morte e scagliandosi contro uno di loro a calci e pugni. Le forze dell’ordine lo hanno fermato solo con lo spray urticante innescando la reazione dei connazionali che hanno fatto gruppo attorno ai poliziotti con fare minaccioso. Un atteggiamento presto sedato portando via il trentenne in auto verso la questura dove è stato formalizzato l’arresto.



La squadra mobile, dal canto suo, ha effettuato altri due fermi. Il primo ai danni di un cittadino gambiano di 23 anni che da molto tempo rappresentava un disagio continuo per molteplici furti negli esercizi commerciali del Centro: in una circostanza aveva rubato un paio di scarpe da un negozio spintonando un passante che aveva tentato di bloccarlo. Un gesto che ha portato la procura di Bolzano ad emettere un ordine di esecuzione per la carcerazione di 2 anni per rapina impropria. Sono quattro, invece, gli anni che deve scontare un cittadino tunisino di 48 anni per una serie di condanne per spaccio di sostanze stupefacenti che ha iniziato a mettere in fila a Bolzano dal 1993. Anche lui è stato arrestato.

Alan Conti