Speranza: “Vaccino Covid ai primi di gennaio, gratuito e non obbligatorio. Per ora”

BOLZANO. Il vaccino anti Covid 19 sarà gratuito per tutti e senza alcun obbligo. Almeno in principio. A chiarirlo è stato oggi il ministro alla salute Roberto Speranza che ha illustrato il piano di distribuzione al Senato. “Il vaccino è un bene comune e va assicurato a tutti. Nessuna diseguaglianza sarà ammissibile. Al momento non è nostra intenzione inserire l’obbligatorietà al vaccino ma nel corso della campagna terremo monitorato il tasso di adesione. L’obiettivo è raggiungere l’immunità di gregge. Le prime dosi dovrebbero essere a disposizione ai primi di gennaio”.



Speranza è poi passato a descrivere quantità e modalità: “L’Italia ha opzionato 202.573.000 dosi che è una dotazione sufficiente a vaccinare tutta la popolazione e conservare ancora scorte di sicurezza. E’ molto probabile che serviranno due somministrazioni a breve distanza temporale. Ancora non abbiamo, inoltre, dati certi sulla durata dell’immunità prodotta dal vaccino. Sarà importante, comunque, non arrivarci con i presidi sanitari in difficoltà”.

Il dettaglio delle dosi a disposizione dell’Italia, al netto dei processi autorizzativi che devono andare a buon fine, sarebbe questo: 40 milioni Astrazeneca, 26 milion Johnson&Johnson, 40 milioni Sanofi, 26 milioni Pfizer/Biontech, 30 milioni Curevac e 10 milioni Moderna.

Alan Conti

Foto Pexels

WEBCAM HD A 19 EURO OGGI SU AMAZON